mercoledì, 8 febbraio 2023
  Username:   Password:
Ricordami su questo PC
Al Mercoledì gli uffici di segreteria sono aperti solo su appuntamento da richiedere a mezzo mail all'indirizzo info@azionecattolicare.it. Qui trovi tutti gli orari di apertura della segreteria.
Clicca sulle immagini per allargarle

Mons. Gianfranco Gazzotti ha raggiunto la Gerusalemme celeste


Mons. Gianfranco Gazzotti e la Terra Santa: un rapporto inscindibile che ha resistito per oltre mezzo secolo e che improvvisamente si è troncato nel pomeriggio di venerdì 31 dicembre a causa di un malore che ha colpito a Toano l’ottantenne sacerdote.

Alla fine dello scorso mese di ottobre era riuscito a compiere l’ennesimo pellegrinaggio in Terra Santa, ripercorrendo quei luoghi che ha tanto amato e nei quali ha accompagnato centinaia e centinaia di pellegrini.

Era stata l’occasione per una nuova e desiderata “full immersion” nella Terra di Gesù; per ripercorrere le tappe che avevano contraddistinto le centinaia di pellegrinaggi da lui sapientemente guidati: Nazareth, Gerusalemme – Via Dolorosa, Santo Sepolcro, spianata delle moschee, Getsemani, quartieri armeno e siriano -, Betlemme, il lago di Tiberiade, Cafarnao, il Campo dei Pastori.

Ma era stata anche l’occasione – l’ultima - per incontrare, accolto con affetto e riconoscenza, i tantissimi amici – suore, religiosi, laici - che operano nelle preziose istituzioni educative e sanitarie cattoliche della Terra Santa, tappe obbligate nei pellegrinaggi e a cui gli Amici di Terra Santa – il gruppo che don Gazzotti ha sapientemente guidato – hanno sempre assicurato il sostegno.

Nato a Toano il 10 dicembre, Massimo Gianfranco Gazzotti era stato consacrato presbitero il 29 giugno 1960 nella Cattedrale di Reggio Emilia dal vescovo Beniamino Socche assieme a otto confratelli.

Subito dopo l’ordinazione presbiterale era stato per un biennio curato a Montecchio e successivamente per altri due anni vice direttore del Pio Istituto Artigianelli.

Poi nel 1968 cominciava il suo lungo ministero nel Seminario urbano di Reggio Emilia in viale Timavo 93, prima come vice rettore sino al 1974, poi per un decennio come rettore e infine dal 1984 al 1990 come economo.

Nel 1984 mons. Gazzotti diveniva parroco della Cattedrale reggiana e priore del capitolo, incarico mantenuto sino al 2012; nel 2007 assumeva anche l’incarico di parroco di San Prospero, di cui divenne poi amministratore parrocchiale e infine rettore della basilica.

Dal 1986 al 1992 è stato attivo e propositivo direttore della Caritas diocesana di Reggio Emilia-Guastalla.

Dal 1997 era priore della delegazione di Reggio Emilia dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme.

In questi sessant’anni di sacerdozio, intenso ed entusiastico è stato l’impegno di don Gianfranco per l’organizzazione dei pellegrinaggi in Terra Santa e in altri luoghi della cristianità: Grecia, Turchia, Russia, Polonia, Armenia; nonché ai santuari mariani di Lourdes e Fatima.

Proprio per questa sua generoso e prezioso servizio, durato ininterrottamente per oltre mezzo secolo, il 1 dicembre 2014 – in occasione del tradizionale incontro natalizio degli Amici di Terra Santa - il francescano padre Ibrahim Faltas, già parroco a Betlemme, aveva appuntato a mons. Gazzotti la “Croce d’oro del pellegrino” decretata dalla Custodia di Terra Santa.

I pellegrinaggi guidati da don Gazzotti in Terra Santa sono sempre contraddistinti da intense celebrazioni eucaristiche in luoghi particolarmente simbolici - dalle Basiliche del Santo Sepolcro e Nazareth, alla chiesa dell’Orto degli Ulivi, al deserto di Giuda -, da forti momenti di preghiera comunitaria e di canti – guidati dalla sua bellissima voce-, e in particolare di generoso e sensibile sostegno economico ad istituzioni educative, ospedaliere, caritative cattoliche operanti in Terra Santa a favore dei poveri, dei disabili e degli orfani.

Don Gianfranco ha sempre seguito con attenzione l’attività del Movimento Terza Età dell’Azione Cattolica diocesana.

Oggi, lunedì 2 gennaio dalle ore 10.00 la salma di don Gianfranco Gazzotti sarà esposta nella basilica cittadina di San Prospero, dove alle 18.00 sarà recitato il Santo Rosario a cui seguirà la Santa Messa. La mattina di martedì 3 gennaio sarà trasferita in Cattedrale dove alle ore 10.00 l’arcivescovo Giacomo presiederà i funerali.

Giuseppe Adriano Rossi


Azione Cattolica Italiana - Diocesi di Reggio Emilia-Guastalla - Atto normativo

sito registrato nella